Centro di Formazione per l'Attività Educativa dei Gesuiti d'Italia

Gesuiti - Formazione

20 Luglio 2017

Collegio S. Ignazio – Messina

L’istituto oggi
ist_ignazio[1]Il Collegio S.Ignazio – ideale continuazione del PRIMUM AC PROTOYPUM fondato a Messina da S. Ignazio nel 1548 – è un istituto scolastico comprensivo. 
Esso costituisce una comunità scolastica che si propone la formazione spirituale, intellettuale, morale e fisica dei giovani, ispirando l’attività educativa ai principi della pedagogia ignaziana espressi nei documenti programmatici della Compagnia di Gesù con particolare riferimento a “le caratteristiche dell’attività educativa della Compagnia di Gesù” e “la pedagogia ignaziana-introduzione alla pratica”. 
Dal 2001 è gestito, nella formula di cooperativa sociale, da docenti laici formati alla spiritualità ignaziana, non docenti e dai Padri Gesuiti. 
L’offerta formativa parte dalla scuola dell’infanzia per finire al liceo scientifico. Tutti gli ordini di scuola sono paritari. Oggi con i suoi 365 alunni conferma l’attualità e il valore della proposta educativa ignaziana che intende promuovere la formazione integrale di ogni individuo e il ruolo di ogni singola persona all’interno della comunità umana perseguendo come obiettivo primario dell’educazione lo sviluppo di tutti quei talenti in cui si concreta il dono di Dio a ciascuno. 

La storia
La fondazione del Primum ac Prototypum collegium, aprì a Messina una nuova pagina per la storia della cultura in Italia e nel mondo: sorgeva il primo centro di studio che la compagnia di Gesù creava esclusivamente per i laici, e nel quale viene formulata per la prima volta quella “Ratio studiorum” che sarà alla base degli insegnamenti scolastici dei paesi occidentali. 
La scelta di S.Ignazio della città di Messina si inserisce in un grandioso progetto in cui Messina, posta tra l’Occidente e l’Oriente, avrebbe dovuto diventare un centro di vita intellettuale e cattolica dal quale la religione e la cultura potessero irradiarsi nelle terre oltremare dell’Islam. Scelse, quindi, dieci tra i suoi migliori uomini e li inviò a Messina dove furono accolti da una folla festante, in quanto da anni Messina bramava la fondazione di una Università. 
Il 16 novembre 1548 il Papa Paolo III firmava la bolla “Copiosus in misericordia Dominus” che erigeva l’Università, affidandola alla Compagnia di Gesù. Il 24 novembre dello stesso anno con la bolla “Summi Sacerdotis ministerii” veniva eretto il Collegio Mamertino. Nel 1767 un decreto di Ferdinando IV di Napoli cacciava i Gesuiti dalla Sicilia. Dopo varie vicende nel 1884 ripresero la loro attività di educatori proprio a Messina, dove assunsero la direzione della scuola paterna “Maurolico”. 
Nel corso dei secoli, il Collegio si è sempre conformato alla varie vicende storiche della città, cambiando non solo sede ma anche finalità e gestione, fino ad arrivare all’odierno istituto. 

Gli elementi caratterizzanti il progetto
In coerenza con le linee programmatiche dei documenti della pedagogia ignaziana, l’attività del Collegio si situa all’interno della missione evangelizzatrice e dell’impegno educativo della Chiesa cattolica, inserendosi attivamente nel contesto ecclesiale messinese. Scopo fondamentale della pedagogia ignaziana è formare “uomini e donne per gli altri “ , l’alunno che esce dalla nostra scuola dovrebbe, dunque, avere le seguenti caratteristiche: ben formato, intellettualmente competente, aperto alla crescita, religioso, ricco di affettività e impegnato ad agire per la giustizia in un servizio generoso del popolo di Dio. Questo scopo richiede una formazione completa e approfondita della persona umana, per fare ciò i docenti della nostra scuola propongono le varie discipline a partire dall’esperienza umana. Un altro scopo perseguito dall’educazione ignaziana è il servizio della fede per la promozione della giustizia. Nella convinzione che una nuova comunità mondiale di giustizia, di amore e di pace ha bisogno di persone formate, dotate di competenza, di coscienza e di amore, che si impegnino a lavorare per la libertà e la dignità di tutti i popoli, il nostro Collegio aiuta i giovani ad impegnarsi nel sacrificio e nella giogaia di condividere con gli altri la propria vita, a scoprire che ciò che sono vale di più di ciò che ho e a costruire una mentalità di pace. 

Le scuole
La scuola dell’infanzia
La scuola dell’infanzia accoglie i bambini dai due anni e sei mesi ai cinque anni compiuti. È un ambiente ricco di opportunità educative nel quale ogni bambino è messo in grado di fare esperienze di affetto, stima, simpatia, comprensione e crescita. Ha come finalità la promozione e lo sviluppo di condizioni educative adatte alla formazione degli aspetti fondamentali della personalità, degli atteggiamenti, delle consapevolezze e delle abilità di base. 

La scuola primaria (elementare)
La scuola elementare intende promuovere, in armonia con il dettato costituzionale, un curricolo di alfabetizzazione primaria e uno spazio educativo-sociale che sviluppino la personalità del bambino in vista della partecipazione integrata alla vita sociale. Come scuola cattolica e in armonia altresì con la finalità specifica degli istituti educativi della Compagnia di Gesù, considera parimenti fondamentale nel suo progetto quei valori cristiani ed umani volti ad educare il bambino ad essere e diventare, da adulto, uomo per gli altri; per questo la scuola promuove tutte quelle attività e quelle strategie educative e didattiche funzionali a una crescita equilibrata e gradualmente orientata. 

La scuola secondaria di primo grado (media) 
La scuola intende promuovere la formazione integrale di ogni persona all’interno della comunità. I principi fondamentali ai quali la scuola ispira la propria attività sono :la valorizzazione della persona, lo sviluppo della dimensione personale e lo sviluppo della persona nella dimensione interpersonale. Nel pieno rispetto degli indirizzi normativi ministeriali (legge 28 marzo 2004 n.53), dal settembre 2004 ha preso avvio la riforma del sistema di istruzione per la Prima media , che percorre dunque un percorso diverso dalla seconda e terza media che prevede al suo interno l’istituzione della figura del tutor, un diverso monte ore mattutino, con la presenza di tre laboratori, e una diversa organizzazione del tempo prolungato. Tutto questo viene esplicitato in un P.O.F. a parte. 

Il liceo scientifico
Anche il liceo svolge, principalmente un’azione diretta promuovere la formazione integrale di ogni individuo e il ruolo di ogni singola persona come membro della comunità umana. Gli studenti, i professori e tutti i membri della comunità educativa sono incoraggiati ad instaurare un clima di comprensione e di rispetto reciproco. Il piano degli studi è incentrato sulla persona e ogni studente è messo in condizione di poter sviluppare e realizzare gli obiettivi proposti a un ritmo proporzionato alle sue capacità per mettere i propri talenti al servizio degli altri. Particolare attenzione viene riservata alla “cura personalis” per cui, applicando il paradigma ignaziano alla relazione docente-alunno, il docente crea le condizioni perché vi sia una costante interrelazione tra esperienza, riflessione ed azione. 
Rispettando l’organicità dell’attuale quinquennio ,l’offerta formativa del biennio è arricchita da opzioni che aiutano i giovani a costruire la propria identità personale e sociale e forniscono loro gli strumenti interpretativi e critici per operare in una realtà sempre più complessa. 
Il biennio è, dunque, caratterizzato da un’area comune di preparazione al liceo scientifico, e dalle seguenti due aree di indirizzo : diritto ed economia e lingua spagnola. Dall’anno scolastico 2004-2005 è in vigore la settimana corta, che prevede la ripartizione delle trenta ore settimanali in cinque giorni. L’orario scolastico va , quindi, dalle ore 8,15 alle ore 14,00.

  • Cheap Replica Watches
  • Replica Uhren
  • cheap replica watches
  • cheap replica watches
  • Replica Watches